Vai al contenuto

In occasione della Giornata internazionale dei musei Icom 2023 (18 maggio) “Musei. Sostenibilità e Benessere”, la Provincia di Lecco ha programmato una serie di iniziative nella Casa Museo Villa Monastero di Varenna, curate dal conservatore Anna Ranzi, che faranno conoscere i percorsi avviati in relazione a questo importante tema rivolto a favorire il benessere e lo sviluppo sostenibile delle comunità.

L’obiettivo previsto dalla programmazione pluriennale del Sistema Museale della provincia di Lecco (che coinvolge 51 musei e beni culturali) è interamente focalizzato su questo importantissimo argomento, unito a quello dell’inclusione sociale nei musei, con iniziative mirate che si svolgeranno nel corso di quest’anno e del prossimo attraverso il progetto congiunto “Star bene al museo”.

Nello spazio espositivo di Villa Monastero sarà possibile visitare fino al 18 giugno una mostra costituita da immagini e documenti che ricordano la famiglia De Marchi, cui si deve il pubblico utilizzo della storica dimora lariana, e l’85° anniversario di fondazione dell’Istituto italiano di Idrobiologia Marco De Marchi.

Un percorso di approfondimento rivolto sia alla figura di studioso di scienze naturali di De Marchi, al quale risale la realizzazione dell’Incubatoio di Fiumelatte dedicato all’attività di riproduzione di varie specie ittiche lariane utili alla salvaguardia e al ripopolamento del Lario, sia alla sua vicenda biografica.

Nato a Milano nel 1872, si laureò nel 1901 in Scienze con una tesi su “I trochilidi dell’Argentina”: il testo venne pubblicato negli atti del congresso dei naturalisti italiani del 1906-1907 in quanto ampliava e aggiornava la classificazione e il numero delle specie di colibrì fino ad allora conosciuti.

Negli anni successivi si dedicò agli studi sul plancton e sulla fauna lacustre e attrezzò un laboratorio limnologico nella sua villa di Pallanza sul lago Maggiore (oggi sede dell’Istituto per lo studio degli ecosistemi del Cnr) e a Villa Monastero.

Progettò una monografia sulla fauna lacustre, ma riuscì a portare a termine solo una piccola parte delle indagini condotte, riassunte in due pubblicazioni. Si occupò anche della fauna dei laghi alpini, accertando la presenza di specie fino ad allora non segnalate. Una pianticella porta oggi il suo nome: Epilobium Demarchianum.

Favorì lo sviluppo della Società italiana di Scienze naturali, della quale fu prima vicepresidente (1910-1911), poi presidente fino al 1936, anno della morte. Fondò nel 1909 e sostenne economicamente la rivista “Natura”, che donò alla Società con notevoli apporti finanziari.

Arricchì le raccolte del Museo civico di Scienze naturali di Milano con varie donazioni, impedendo che preziose collezioni bibliografiche fossero acquistate da musei stranieri. Finanziò varie spedizioni e la pubblicazione di opere scientifiche.

Infine, sistemò a proprie spese il giardino alpino creato dall’abate P. Chanoix al Piccolo San Bernardo, dotandolo anche di un laboratorio botanico.

Sempre in occasione della Giornata internazionale dei musei verrà presentato anche un inedito album fotografico del giardino realizzato negli anni Trenta da un parente della famiglia, il fotografo Achille Gherini De Marchi, che sarà donato dopo la mostra alle collezioni del museo.

Inoltre, sarà possibile esaminare una scheda sintetica che illustra il progetto “Valorizzazione dell’identità del giardino storico Villa Monastero”, curato dall’architetto paesaggista Valerio Cozzi e attualmente in corso, finanziato grazie al Pnnr.

Infine, rimarrà ancora allestita nello spazio espositivo la mostra dedicata al Sistema Museale della provincia di Lecco per promuovere il Sistema attraverso il nuovo dépliant bilingue rinnovato con tutte le 51 realtà aderenti.

Tutte le iniziative sono comprese nel biglietto di ingresso a Villa Monastero.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on whatsapp

Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito web.
Accettando, accetti l'utilizzo di tali cookie.