Il bello dell'abitare a Villa Monastero: la Sala delle conferenze (Sala Fermi)

Concludiamo oggi il nostro tour della Casa Museo con la sala principale del complesso di Villa Monastero, ovvero la Sala Fermi.

 

Questa sala è oggi utilizzata come Sala delle conferenze intitolata al fisico Premio Nobel Enrico Fermi che nel 1954 partecipò ai corsi di fisica organizzati da Giovanni Polvani, direttore dell’Istituto di Fisica dell’Università degli Studi di Milano. Una lapide con dedica e busto all’interno di un medaglione, eseguito dallo scultore Giannino Castiglioni, ricorda la sua presenza nella Villa.

 

Il locale è in realtà quanto resta dell’aula della chiesa del monastero cistercense sorto nel XII secolo che ha dato il nome alla Villa. Dopo la soppressione del convento stabilita da Carlo Borromeo nel 1567 a causa dell’esiguo numero di monache ospitate, la proprietà venne venduta nel 1569 a Paolo Mornico di Cortenova in Valsassina. Fu il figlio Lelio a demolire il convento per costruire una villa signorile, realizzata tra il 1609 e il 1645.

 

La chiesa del convento venne però conservata. Nel 1675 i successori di Lelio crearono una cappella dedicata a Sant’Antonio e la utilizzarono per le tombe di famiglia. La chiesa rimase in uso fino al 1898, anno in cui Walter Kees chiese che venisse chiusa al culto.

 

Sala delle conferenze (Sala Fermi) - scheda descrittiva

 

Foto di Christian Sciannamè


Copyright (c) Provincia di Lecco 2017.
Area riservata      Note legali


6.png9.png2.png9.png6.png5.png

Questo sito web usa i cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Usando questo sito web, acconsenti al salvataggio di questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Informativa estesa

Direttiva e-privacy

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione puo' essere annullata.

Hai accettato che i cookies vengano copiati sul tuo computer. Questa decisione puo essere annullata.